Il Tempio

IL TEMPIO

La chiesa vecchia cadeva: bisognava sostenerla e per l’aumentata popolazione ampliarla; l’arciprete mi diè l’incarico d’un progetto a tale scopo. Ma la larghezza attuale, allungando la chiesa e sostituendo al pericolante presbitero una cupola, diveniva strettezza.
Abbandonata quindi, anche per altre ragioni l’idea del rappezzamento, parroco, popolo e ingegneri approvarono la costruzione ex novo.
E ne feci il progetto che anche il Cardinale approvò: una rotonda attraversata da una crociera, il mondo segnato dalla croce. Tale forma movimentata, a differenza dei soliti parallelopipedi, dà anche all’esterno buona apparenza, e permette la facciata sia sulla. Piazza, che verso S. Floriano, dominando la vallata e spiccando a mezza costa fino alla ferrovia Verona-Milano: percio’ non per enfasi lo chiamo templum da con-templari.
La natura morenica del colle su cui sorge esigeva anche ampiezza di fondamenta e a ciò si presta bene la sporgenza delle cappelle e dell’atrio, quasi tentacoli e piedi d’appoggio alla periferia della rotonda che aderendo all parete minacciante della chiesa vecchia, l’assicurava, utilizzandone una parte per cappella, e l’altra per oratorio diviso o meglio comunicante per gli ampi fori, con la tribuna.
Così diminuiva la spesa, non si demoliva la chiesa vecchia, sacra per tanti ricordi, e sorgeva tre volte più capace, la nuova sulla piattaforma di cemento armato.
Unica vittima il brolo del parroco. Qualcuno direbbe anche la borsa del popolo, ma non è: perchè patteggiata con Dio l’assicurazione contro la grandine, per tre anni s’ebbe tale abbondanza di raccolto e quest’anno tale aumento di prezzi che
gliene diè cento 
non sentì le diece.

All’ing. cav. Guido Bosinelli che fece i rilievi dapprincipio ma poi per le sue troppe occupazioni si ritirò, successe nella direzione dei lavori e nei calcoli per la statica il giovane e valente ing. Luigi Marconi di Bussolengo.
Nell’asta fu affidata l’impresa alla ditta Astori-Cabrini che per serietà di affidamento, copia di mezzi, esperienza edilizia e favore di prezzi dava le migliori garanzie.

*
**

Prescelsi la forma rotonda, oltre che per le ragioni statiche ed estetiche, anche perchè è la più antica per i templi presso gli etruschi e i romani, che avendo le case rettangolari. erigevano a Dio la rotonda, in memoria delle prische capanne, come invece in Africa, ove le capanne degli uomini sono rotonde, quella di Dio è quadra.
.L’inversa disposizione delle colonne, al confronto della Madonna di Campagna, è richiesta dalla necessaria ampiezza per lo sviluppo del paese, e dissimula il vuoto laterale nei periodi di magra.
Le eccezioni di afonicità e di <<volti barbari>> quasi che le colonne nascondano, oggi tacciono.
Un posto d’onore ho riservato al fonte battesimale, pur troppo spesso relegato negli sgabuzzini, mentre una volta aveva edicole sontuose come i battisteri del Laterano, di Pisa e di Firenze.
Una parola sacra volli pure serbata alle finestre, che sono gli occhi dell’edificio, spesso trascurati e cisposi.
E alle finestre inferiori (tra le croci d’Italia e di Verona) affidai la memoria della Via Crucis; a quelle della cupola, pure incrociate dalla carità del natio loco. la predica delle opere di misericordia in cui è tutto il cristianesimo.
Pe reciprocità nel perdonare le offese, come io perdono a quelle recate al mio progetto, spero che chiesa ed artisti perdoneranno a quelle da me inflitte al decoro ed all’arte. Le quali tuttavia si attenueranno quando l’atrio (simbolo della ospitalità della chiesa anche per chi non vuole entrare) toglierà l’odierna sfacciataggine: quando l’altare in memoria dei caduti, compirà le devozioni ed i voti; e quando, nella consecrazione, ornata come sposa, cingerà il doppio anello delle sue balaustre, che dall’interno pioverà luce e canto sulla plebe devota, e all’esterno stenderà lo sguardo protettore sulla valle ferace.

Oggi clero e popolo inaugurano con la benedizione del Vescovo l’opera dell’ardimento e della pietà, lieti che non abbia inflitto, con meno dispendioso progetto, un insulto alla divozione generosa; orgogliosi anzi che il prezzo se non il pregio, permetta loro di restituirmi il cognome, temporaneamente mutatomi (ndr D.Spreca).

D. Trecca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *