Capitello al Gazzo

Così descrivono, Carlo Caporal e Giuseppe Rama, nel volume “Pitture murali in Lessinia”, il capitello quadriforme  in contrada Gazzo.

La struttura di lineare essenzialità architettonica, si compone di un piedistallo chiazzato di muschi e licheni sul quale sono impostate quattro edicole in tufo protette da un tettuccio in coppo ormai cadente. Le absidiole ospitano una Pietà (parzialmente leggibile); una Crocifissione (quasi scomparsa); un S. Antonio da Padova (stinto nella parte inferiore) e una Madonna di Caravaggio (scomparsa). La solenne collocazione del manufatto su un poggio sovrastante la conca di Fumane – segnalato di lontano da uno svettante cipresso – rimanda il pensiero agli Arusnati che non lungi da qui avevano innalzato un tempio a Minerva. Un pronto intervento di ripristino, oltre che necessario, è doveroso.

Immagini della “Pietà” e 
di “S. Antonio da Padova”.

 

 

 

 

 

 

      


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *