Return to Le Contrade

Gnirega

Dalla chiesa parrocchiale di Valgatara, salendo la valle di Marano a destra si arriva, oltrepassato il Perlè,  a Gnirega. Poi la strada prosegue per le Marognole e le Biniele, avvicinandosi a Pazzi.

Nel XII secolo compare nella documentazione Maregnago; nel secolo successivo sono menzionate Gnirega e Pozzo.

La contrada di Gnirega è una delle più antiche di Valgatara e ha conservato l’impianto originario con una fila di corti allineate lungo la strada, alcune con degli eleganti portali ad arco in tufo. L’altro lato della strada è occupato dal fianco e dai rustici di Villa Nicolini, ora Clementi, presente dal ‘500. Della metà dell’800 è la cappellina sul lato nord della contrada. Sullo stesso lato si trova una bella fontana pubblica, ora in disuso, ma che un tempo forniva acqua potabile per tutte le famiglie e serviva per abbeverare gli animali e per il bucato. L’alto serbatoio era dotato di un meccanismo per dividere l’acqua equamente fra gli abitanti della contrada e i padroni della villa.
Quattro vasche addossate al muro che finisce con una torretta costruita tempo fa per la ripartizione dell’acqua tra gli abitanti di Gnirega e il proprietario della adiacente villa.

altitudine 303 metri s.m.

censimento 2001 – famiglie  nr.10
censimento 2001 – abitanti   nr.34

Visualizzazione ingrandita della mappa

Biniele

          altitudine 301 metri s.m. Visualizzazione ingrandita della mappa

Campedè

Visualizzazione ingrandita della mappa

Casetta

Visualizzazione ingrandita della mappa

Marognole

Alle Marognole si sale prendendo la strada per Gnirega. Marognole, il nome deriva da piccole marogne, muri a secco. Visualizzazione ingrandita della mappa

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.