Gnirega

Dalla chiesa parrocchiale di Valgatara, salendo la valle di Marano a destra si arriva, oltrepassato il Perlè,  a Gnirega. Poi la strada prosegue per le Marognole e le Biniele, avvicinandosi a Pazzi.

Nel XII secolo compare nella documentazione Maregnago; nel secolo successivo sono menzionate Gnirega e Pozzo.

La contrada di Gnirega è una delle più antiche di Valgatara e ha conservato l’impianto originario con una fila di corti allineate lungo la strada, alcune con degli eleganti portali ad arco in tufo. L’altro lato della strada è occupato dal fianco e dai rustici di Villa Nicolini, ora Clementi, presente dal ‘500. Della metà dell’800 è la cappellina sul lato nord della contrada. Sullo stesso lato si trova una bella fontana pubblica, ora in disuso, ma che un tempo forniva acqua potabile per tutte le famiglie e serviva per abbeverare gli animali e per il bucato. L’alto serbatoio era dotato di un meccanismo per dividere l’acqua equamente fra gli abitanti della contrada e i padroni della villa.
Quattro vasche addossate al muro che finisce con una torretta costruita tempo fa per la ripartizione dell’acqua tra gli abitanti di Gnirega e il proprietario della adiacente villa.

altitudine 303 metri s.m.

censimento 2001 – famiglie  nr.10
censimento 2001 – abitanti   nr.34

Visualizzazione ingrandita della mappa


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *